Edifici a energia quasi zero


Secondo la DIRETTIVA 2010/31/UE, entro il 31 dicembre 2020 l’Unione Europea si impegna a ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra. Questo significa diminuire drasticamente il fabbisogno energetico dei paesi dell’Unione. Condizione necessaria per adempiere a tale impegno è quella di migliorare l’efficienza energetica degli immobili, sia civili che industriali.

COSA SIGNIFICA EDIFICI A ENERGIA QUASI ZERO?

casa_ecologicaUn immobile a energia quasi zero è un edificio il cui fabbisogno energetico per mantenere un buono standard di comfort durante tutto l’anno è ridotto al minimo.
Oggi tutto ciò è possibile, sia con edifici di nuova costruzione che, nella maggior parte dei casi, con edifici da ristrutturare.
Il punto di partenza è progettare (nel caso di nuovi edifici) o ristrutturare (nel caso di immobili esistenti) l’edificio in modo tale che richieda quantitativi minimi di energia, intervenendo sull’involucro e sugli infissi, che dovranno impedire significativi scambi di calore con l’esterno. Una volta ottenuto un buon risultato in questo senso, il secondo punto consiste nell’identificare le soluzioni più adatte in termini di efficienza, sfruttando il più possibile le fonti di energia rinnovabili sul territorio.

Questi due aspetti fondamentali nella progettazione di un edificio a basse emissioni necessitano di una stretta collaborazione tra il progettista architettonico, il team di progettazione degli impianti e ovviamente l’utente finale, tenendo conto di importanti fattori:

  • UBICAZIONE DELLA STRUTTURA: la posizione geografica dell’immobile è uno dei fattori più importanti per la valutazione dello sfruttamento delle fonti di energia rinnovabili locali, come ad esempio la geotermia o l’energia eolica.
  • ESIGENZE DELL’UTENTE: vincoli legati ad esempio a particolari condizioni di salute dell’utente o anche solo a precise scelte estetiche determinano spesso la scelta di una soluzione anzichè l’altra.
  • ASPETTO ECONOMICO: ovviamente le possibilità economiche dell’utente stanno alla base dei criteri con cui verrà progettato il sistema, tenendo conto dei tempi di ritorno economico dell’investimento e bilanciando la spesa iniziale e l’effettivo risparmio in fase di gestione della struttura.
  • INCENTIVI STATALI: è essenziale da parte del team di progettazione rendere edotto l’utente sui vari incentivi statali e sugli sgravi fiscali in materia di risparmio energetico e di conseguenza saperlo consigliare al meglio.

RINNOVA S.R.L. si è da tempo specializzata su questo tipo di problematiche ed è in grado di gestire al 100% il processo di progettazione o ristrutturazione di immobili ad energia quasi zero.